funds

The photographic patrimony of Fondazione Sella, non-profit organisation, preserves pictures relating to local history, mountains and much more. The collections and the photographic series listed below and kept at the Sella Foundation number over a hundred, some of which have been in the family’s possession since the second half of the 1800’s.

The principal collections are those of Vittorio Sella, his brother Erminio, Giuseppe Venanzio, Venanzio, Cesare Sella, the Rossetti Photographic Studio, consisting of over 500,000 plates, and those of Vittorio Besso, who was the first to open a photographic studio in Biella in 1859. Of particular interest is the Ferrari collection with its 30,000 photographs, all on the subject of the alpine ranges from the Marittime to the Julian Alps. Also preserved, although not belonging to the collections or photographic series, are pictures by George and Ashley Abraham, Felice Arrigo, captain and cartographer Felice Boffa Ballaran, Franco Bogge, Filippo De Filippi, William Frederick Donkin, Mario Fantin, Douglas William Freshfield, Wiléem 

Heckel, E. S. Kennedy, Giuseppe Merisio, Gottfried Merzbacher, Cesare Nebbia, Neer (Celesia), Francesco Negri, Giorgio Sommer, Georges father and son Tairraz and Manfredo Vanni. There are also other series connected with the various branches of the Sella family and members of related families, as well as pictures on other subjects by anonymous authors (Biella, the Biellese, mountains, industry, etc.). One series consists of about a thousand pictures of soldiers and military manoevres dating back to to the period between 1910 and 1930. The Foundation also preserves photographic equipment, an ancient dark room with a solar enlarger, papers (letters, diaries and documents) and related literature.

Association of the Italian Wool Industry

This photographic series consists of pictures collected by the Association during its existence (1876-1993). Of particular interest is the documentation regarding certain factories and textile companies and the Textile Exhibition held in Biella in 1936.

Balestreri Umberto

The collection of pictures by Umberto Balestreri document the reconnaissance trip to Karakorum in 1928 and the stages of the expedition to K2 in 1929, led by Aimone of Savoy, Duke of Spoleto, recording the failed attempt to conquer the second highest summit in the world. There are over 640 pictures altogether.

Beck Jules

The photographs by Jules Beck number over 500, documenting in particular the Italian mountains (Alps, Apennines and Etna) and the mountain ranges of Northern and Central Europe.

Bertoglio Giovanni

Giovanni Bertoglio, in his role as editor of the monthly magazine “Rivista Mensile” of the C.A.I., collected numerous pictures by various photographers which are organised according to geographical region and mountain range.

Besso Vittorio

The collection preserves about seven hundred pictures taken by Vittorio Besso (1828-1895) illustrating the recently united Italian territory, first with photos taken in the areas of the former Kingdomof Savoy, Piedmont and Aosta Valley, later with landscapes of Lombardy, Tuscany and Lazio.

Bickley

The photos taken by Ester Ravelli Bickley and by her daughter Olga, illustrate nearly a century of family life and travels. Subjects include Biella, Vercelli, Cornigliano, Alassio, Genoa, Latte, Rome, Venice, Tuscany, Northern Europe, England, Greece, Libya, Constantinople, Asia and New Zealand. Of particular interest are the pictures documenting the activities of the Ansaldo Workshops of Genoa.

Biellesi nel mondo

The collection includes the pictures found and acquired by researchers and coordinated by V. Castronovo as part of the “Biellesi nel mondo” project promoted by the Gruppo Banca Sella begun in the 1980’s.

Borsetti Luigi

The Sella Foundation preserves about forty plates, in particular of the Alps of the Biellese and the Aosta Valley and groups of climbers, as well as the photographs submitted to the winter mountain photography competition organised in Biella by the T.C.I. in collaboration with the Biella section of the C.A.I., where Luigi Borsetti was awarded a prize.

Cassin Riccardo

Over 300 pictures taken by Riccardo Cassin document the reconnaissance expedition to K2 in 1953, the year before the conquest of the summit by the Italian expedition under the leadership of Ardito Desio.

Corti Alfredo

The pictures were taken by Alfredo Corti for the magazines of the Italian Alpine Club and document in particular the Dolomites, the Bernina, Disgrazia, Adamello and the Gran Paradiso.

De Déchy Mor (Maurice)

Over one hundred pictures by Mor (Maurice) de Déchy preserved at the Sella Foundation chiefly document the valleys and indigenous populations of Bosnia-Herzegovina, while about thirty were taken in the Alps and in the Caucasus.

Eckenstein Oskar

The entire photographic corpus, consisting of 200 pictures on stereoscopic plates, fully documents the reconnaissance trip to K2 in 1902, as well as a visit to Vittorio Sella’s house in Biella. The photographs were taken by the Swiss doctor Jules Jacot Guillarmond (1868-1925).

Ferrari Agostino

The Ferrari collection consists of almost 40,000 pictures collected during the life of the Turinese doctor Agostino Ferrari, a leading member of the Italian Alpine Club, promoter and founder of the ‘Italian Group of Mountain Writers’.

Ferrarotti Sergio

Sergio Ferrarotti specialised in black and white landscapes and portraits and experimented with reworking and recomposing his pictures using photomontage and collages. His “puppet theatre” series is famous.

Gallino Giuseppe

An amateur photographer active in the first half of the 1900’s, Giuseppe Gallino is particularly important for his production of over two hundred colour photos taken after 1911, when Auguste Lumière came to Turin to illustrate a new technique and consequently to sell the autochrome plates produced by his firm.

Gallo Emilio

Textile industrialist, explorer and mountaineer, Emilio Gallo was a keen amateur photographer. He created his album Album del Biellese in 1891 and shortly afterwards began to take part in photographic exhibitions in Turin, in 1893 and 1900, Groningen, 1893, Hamburg and Berlin, 1895, where he won an award.

Maggia Federico

The photographic material of Federico Maggia is a large and heterogenous collection. The Sella Foundation preserves all the equipment and cameras used by Maggia. The phototypes are of two different kinds: the plates created in his early period of photographic activity (1912-1932) and the films, prints and contact prints of the later period (1961-1985).

Minoli Pietro

Pietro Minoli a corredo della sua attività di giornalista ha realizzato migliaia di immagini, a partire dalla seconda metà degli anni ’50 del Novecento. Oltre a queste immagini, in Fondazione Sella, sono conservati gli obbiettivi, le macchine fotografiche e l’ingranditore utilizzati da Pietro Minoli nel corso della sua attività.

Piacenza Mario

In Fondazione Sella sono conservate tutte le pellicole di Mario Piacenza, poche sono invece le stampe d’epoca, la maggior parte di queste ultime sono state realizzate da Vittorio Sella e sono oggi conservate presso il Museo della Montagna di Torino.

Rey Guido

Guido Rey  è uno dei principali esponenti della fotografia pittorica italiana, sia in senso stilistico sia come fonte di ispirazione. Rey costruiva scenari dedicati ad ambienti antichi o a famose opere del passato.  Dopo un primo periodo dedicato a scorci di vita giapponese egli guardò al mondo classico, alla pittura fiamminga e ai grandi autori Olandesi del Seicento (Rembrandt, Vermeer, Hals),  a scene tratte dalla pittura del ‘700 e dell’ ‘800.

Savoia, Luigi Amedeo di

Le fotografie che documentano le spedizioni organizzate e guidate da Luigi Amedeo di Savoia, duca degli Abruzzi, in Alaska, Ruwenzori e Karakorum sono conservate nel fondo Vittorio Sella. In questa serie fotografica è conservata la documentazione della spedizione al Polo Nord (1899-1900).

Sella Cesare

Autore di fotografie documentarie, ma anche dal forte impatto estetico, della I Guerra Mondiale, a cui prese parte con il fratello Giuseppe e col cugino Ugo, Cesare Sella ha illustrato anche i costumi e i paesaggi della Sardegna, dove ha condotto l’azienda vitivinicola “Sella & Mosca”.

Sella Erminio

Nella serie fotografica di Erminio Sella(1865-1948), composta da circa 3.200 fototipi (negativi e stampe originali), sono documentati i viaggi negli Stati Uniti (1898), in India e Sri Lanka (1899), e in Centro America (1902, Trinidad e Tobago, Panama, Colombia, Venezuela).

Sella Gaudenzio

Gaudenzio Sella ha realizzato, soprattutto tra il 1904 e il 1922, oltre 1000 fotografie, per lo più inerenti a Biella e al Biellese, ma anche a viaggi compiuti in Italia e in Europa.

Sella Giuseppe Venazio

Nel fondo sono conservate circa 50 fotografie (negativi e positivi) realizzate, con diverse tecniche, da Giuseppe Venanzio Sella (1823-1876), tra i primi fotografi biellesi, il primo in Italia a scrivere, nel 1856, un trattato teorico e pratico sulla fotografia, Il plico del fotografo.

Sella Ugo

Cugino di Vittorio ed Erminio Sella, Ugo Sella ha condiviso con loro la passione per la montagna e per la fotografia. Egli aveva un laboratorio nella sua casa di Cossato.

Sella Venanzio

Venanzio Sella ha realizzato numerose immagini del Biellese e di viaggio. Il suo nome è soprattutto legato al viaggio in Cina e Giappone realizzato nel 1925-1926, da cui ha riportato un’importante serie di fotografie e un filmato, proiettato pubblicamente più volte.

Sella Vittorio

La serie fotografica del fondo Vittorio Sella raccoglie le immagini realizzate dal celebre alpinista e fotografo di montagna a partire dal 1879 sino alla fine degli anni ’30 del Novecento. La serie si suddivide in Alpi, Caucaso, le singole spedizioni al seguito del Duca degli Abruzzi e miscellanea. 

Spedizione K2 – 1954

Il fondo è composto dalla documentazione fotografica realizzata da alcuni degli alpinisti che presero parte alla vittoriosa spedizione al K2 del 1954. Gli autori delle immagini sono Ugo Angelino, Cirillo Floreanini, Guido Pagani, Gino Soldà e Sergio Viotto (il gruppo più numeroso).

Spedizione Perù – 1963

Spedizione organizzata dal Comune di Biella sulle montagne andine del Perù nel 1963,  con lo scopo di studiare la geologia delle montagne andine. Gli alpinisti partecipanti, autori delle immagini, sono stati: Giancarlo Bortolami, Giuseppe Calogero, Carlo Pivano, Fulvio Ratto, Franco Riva e Bruno Taiana.

Studio Rossetti

Le quasi 500.000 lastre realizzate da tre generazione della famiglia Rossetti (il padre Simone, i figli Alfredo e Oreste, la nipote Rosalba) ritraggono la vita di Biella e del Biellese lungo un secolo, dal 1880 al 1980. I temi sono diversi: fabbriche, negozi, luoghi pubblici come ospedali, stazioni, biblioteche, gruppi associazionistici.

Tosso Antonio

Appassionato alpinista, è stato socio del Club Alpino Italiano, e fotoamatore, Antonio Tosso ha realizzato centinaia di immagini del Biellese, in particolare dei dintorni di Oropa dove gestì, dal 1931 al 1950, il caffè pasticceria “Colombino”, l’attuale Caffè Deiro.

Tournon Adriano

Ingegnere e uomo pubblico, Adriano Tournon è entrato sin da giovane nella Società Fotografica Subalpina, nel 1907 fu tra gli organizzatori e giurati dell’Esposizione Internazionale di Torino, nel 1909 pubblicò due testi ne ‘La fotografia artistica’.

Vallino Domenico

Domenico Vallino Domenico Vallino, grazie anche al suo ruolo di primo presidente della sezione di Biella del C.A.I., fu un grande amico di Vittorio Sella,

Varale Giovanni

Giovanni Varale Appassionato alpinista e fotografo biellese. Sue immagini sono state pubblicate in diversi libri e riviste, molte sono state utilizzate anche come cartoline. In